Sanremo 2020, al via tra le polemiche

Questa sera, 4 febbraio, prende il via la 70esima edizione del Festival di Sanremo. Saranno 12 i “big” ad esibirsi nella prima serata assieme a quattro nuove proposte. Domani poi si proseguirà con gli altri 12 “big” e le quattro nuove proposte, per un totale di 24 big in gara e 8 nuove proposte.

Amadeus, in conferenza stampa con i vertici e il direttivo di Rai 1, ha svelato anche come gli artisti si alterneranno sul palco del festival.

Ecco l’ordine di uscita dei Big in gara questa sera: Irene Grandi, Marco Masini, Rita Pavone, Achille Lauro, Diodato, Le Vibrazioni, Anastasio, Elodie, Bugo e Morgan, Alberto Urso, Riki e Raphael Gualazzi. I Giovani si scontreranno sin da subito: Eugenio in Via Di Gioia contro Tecla Insolia, Fadi contro Leo Gassman. Solo due passeranno. “Per la scelta dei duelli tra i Giovani abbiamo adottato dei criteri di buonsenso, non volevo che si scontrassero (qualora avessimo fatto il sorteggio) due donne o due gruppi, o i due di Area Sanremo”, ha spiegato Amadeus in conferenza stampa. Il vincitore delle Nuove Proposte si esibirà il sabato sera con il suo brano. Tiziano Ferro questa sera canterà tre canzoni: “Nel blu dipinto di blu” di Domenico Modugno, “Almeno tu nell’universo” di Mia Martini e il singolo “Accetto miracoli”.

Non mancano le polemiche dopo la conferenza stampa alla quale hanno partecipato anche Rula Jebreal e Diletta Leotta.

La Jebreal parlerà di violenza sulle donne: “Sono davvero felice di essere qui. Vorrei parlare di una emergenza nazionale, ma anche internazionale, molte donne vengono messe in prigioni solo perché chiedono il diritto al voto in Arabia Saudita. È un tema a-partitico, culturale, importante”.

Affronteremo anche altri temi”. Poi spiega che per venire al Festival “mi sono dovuta prendere due settimane di ferie” e che “andrò via subito per tornare all’Università di Miami dove insegno”.

Diletta Leotta tirata ancora in ballo sulla questione Ferrari.

“Critiche di Paola Ferrari? Non mi soffermo sulle critiche, non rispondo neanche alle critiche. Paola Ferrari non la conosco personalmente, la invito a prendersi un caffè così magari cambia idea”. E invoca la solidarietà femminile.

Alcuni media hanno polemizzato sul cachet che la giornalista riceverà per la sua prestazione sul palco dell’Ariston. “Io 25 mila euro? Non è quella la cifra, ma non la dirò. – ha detto stizzita la Jebreal – Il caso eclatante, ancora oggi è che le donne prendono il 25% in meno rispetto ad un uomo, la domanda vera dovrebbe essere perché le donne vengono pagate meno. Il mio compenso era sui vostri giornali prima ancora di chiudere il mio contratto con la Rai. Ho promesso che il 50% sarà donato ad una donna stuprata dall’Isis”.

Al direttore organizzativo di Sanremo 2020 Claudio Fasulo è stata sollevata la questione sulla scelta dei duelli e dei cantanti di stasera.

“Non è stato scelto un criterio particolare per l’ordine di uscita dei cantanti. Per esempio gli Eugenio in via di Gioia inzieranno perché avevamo l’esigenza di una band subito. Abbiamo evitato Tecla contro Lula e Martinelli, con piccoli accorgimenti per evitare di far scontrare due donne contro o due gruppi contro”.

Appuntamento con la prima serata del Festival di Sanremo su Rai 1 a partire dalle 20:30.