Ai microfoni di Radio Musica Television è intervenuto Valerio Longo, consigliere comunale di Battipaglia (Salerno), capogruppo di Forza Italia. Ecco quanto è emerso dall’intervista con Gaetano Risi e Luca Capacchione:

Iniziativa per le scuole – ”Non tutte le famiglie hanno a disposizione delle tecnologie per seguire le lezioni online. Per questo motivo ho lanciato un appello alle imprese sul territorio di mettere nel limite del possibile in comitato d’uso gratuito fino alla fine dell’anno scolastico l’attrezzatura adeguata affinché la scuola arrivi a tutti. La scuola è un’istituzione importante e noi faremo in modo da preservarla.”

Battipaglia e il problema dei rifiuti – ”Da anni Battipaglia ha il problema legato al piano di smaltimento di rifiuti che dipende dalla Regione. La Regione Campania, per mano del suo presidente, in questi 5 anni di legislatura non è riuscita a risolvere i problemi di rifiuti. Noi mandiamo i rifiuti all’estero, questo ha comportato un aumento abnorme di imprese locali che trattano i rifiuti. Nel solo territorio di Battipaglia ci sono venti siti privati che gestiscono varie fasi di ciclo dei rifiuti. Alcuni di questi siti negli ultimi anni si sono incendiati o, per meglio dire, sono stati incendiati. La magistratura ha aperto un’inchiesta a tal proposito e speriamo venga fatta luce al più presto su questa piaga nella Piana del Sele. Per noi questo è un argomento molto delicato. Battipaglia vive da quasi un decennio questo problema dei rifiuti e la luce alla fine del tunnel non si vede. Ci sono soprattutto problemi di tipo politico: De Luca non ha dato risposte su questo aspetto, né su gli altri in questi suoi cinque anni. Il governatore doveva rendere la Campania autosufficiente sul problema dei rifiuti, ma non l’ha fatto. ”

Problema sanitario in Campania – ”De Luca parla alla pancia delle persone, vuole incutere paura ai cittadini campani. Perché lo fa? Perché non ha messo mano in cinque anni al sistema sanitario campano. Lui è conscio che se scoppiasse la pandemia dalle nostre parti sarebbe un problema grandissimo. Potevamo sfruttare i fondi per la sanità, per un ospedale altamente formato per dopo l’epidemia. La mia proposta è per il plesso di Agropoli o di altre strutture non utilizzate. Ora è semplice per De Luca rispondere di mandare il lanciafiamme quando lui in cinque anni di amministrazione non ha risposto ai due problemi principali che ci sono nella nostra regione: quello sanitario e quello dello smaltimento di rifiuti.”